Proprietà della Mela con calorie e valori nutrizionali del frutto simbolo della salute, dopo aver letto questo articolo sarà semplice capire perché si dice che “una mela al giorno toglie il medico di torno“. In linea generale la mela è un frutto che contribuisce al mantenimento di un buono stato di salute ed è un grande alleato addirittura contro il cancro. Scopriamo dunque i vantaggi dal consumo giornaliero di mela, dalle calorie ai valori nutrizionali, quali sono i benefici delle mele in base alle vitamine e minerali di cui sono ricche. Potremmo parlare all’infinito di quanto fanno bene le mele, in pratica non hanno alcun effetto indesiderato, a parte un piccolo dettaglio riguardo la pectina, intanto vediamo tutte le proprietà della mela con calorie e valori nutrizionali del frutto.

Mele e proprietà della Mela con calorie e valori nutrizionali del frutto

Mela

La mela è il frutto del melo, il cui nome botanico è Malus communis, ne esistono diverse varietà che si distinguono per: stagione di maturazione, colore della buccia (rossa, verde, gialla), polpa (croccante, farinosa), gusto (dolce, asprigna, acidula, aromatizzata, profumata) e provenienza.

Il peso medio di una mela è pari a 240 grammi e per una mela di medie dimensioni si apportano 125 calorie (kcal). Considerate che una porzione media di mele consiste in uno o due frutti da 200-250 grammi al dì, possiamo mangiarle sia crude che cotte e beneficiare delle sue proprietà nutrizionali e benefiche per la salute. Scopriamo quali sono.

Valori nutrizionali della Mela per 100 grammi

Valori nutrizionali per 100 g di Mela:

  • 52 kcal di energia
  • Acqua 85,56 g
  • Carboidrati 13,81 g di cui Zuccheri semplici 10,39 g
  • Fibre 2,4 g
  • Grassi 0,17 g
  • Proteine 0,26 g
  • Vitamine (in ordine decrescente di concentrazione %): Acido ascorbico (Vitamina C) 6%; Piridossina (Vitamina B6) 3%; Riboflavina (Vitamina B2), Vitamina K 2%; Vitamine B1, B3, B5, E, Acido folico.
  • Minerali (in ordine decrescente di concentrazione %): Potassio, Manganese, Fosforo 2%; Calcio, Ferro, Magnesio 1%.

L’energia è fornita principalmente dai glucidi (maggiormente carboidrati semplici: fruttosio; peptidi a basso valore biologico). Come possiamo notare la mela è all’85% fonte di acqua, poi è costituita da carboidrati per lo più semplici, si tratta del fruttosio che conferisce quel classico gusto dolce del frutto, segue una discreta quantità di fibre, e fanalino di coda grassi e proteine. Sono molto importanti le Fibre, le Vitamine e i Minerali contenuti nelle mele perché è da loro che dipendono tutti i benefici e le proprietà ad esse attribuite.

Proprietà nutrizionali delle mele

La mela ha proprietà nutrizionali e benefici dovuti in gran parte alla presenza della pectina, che è una fibra solubile, ma anche grazie a minerali e vitamine, ecco cosa sappiamo sulle mele. Prima di dirvi quali sono i benefici veri e propri che possiamo trarre dal consumo giornaliero di questo frutto dolce vogliamo dirvi prima di cosa è priva, sì perché alla mela manca effettivamente qualcosa:

  • non ha controindicazioni particolari, a parte “non esagerare” come per tutto;
  • è adatta a una dieta ipocalorica poiché apporta solo 0,5 kcal ogni 1 grammo;
  • ha pochissimi zuccheri, tra l’altro identificabili con il fruttosio, che è un carboidrato semplice e non richiede l’insulina per essere digerito, quindi è adatta ai diabetici;
  • non contiene colesterolo, anzi aiuta ad eliminarlo;
  • non contiene glutine o lattosio, quindi è adatta a celiaci e intolleranti al latte.

In compenso, la mela è ricca di: sali minerali, in particolare di potassio, e vitamine del gruppo B; quindi fa bene a mucose intestinali e della bocca, protegge unghie e capelli, combatte la stanchezza e l’inappetenza; fibre solubili (pectina) che aiutano l’organismo a proteggersi da attacchi di agenti esterni; acido citrico e malico che contribuiscono al benessere dell’apparato digerente, infatti facilitano la digestione e regolano il ph intestinale.

Benefici della Mela

La mela ha molti benefici per la salute, e pare faccia venire anche idee geniali (è successo anche a Newton):

  • regolarizza le funzioni intestinali che sia mangiata cruda o cotta, ma se la consumiamo cruda ha un effetto antidiarroico, astringente, tutto merito dell’acido citrico (contenuto anche nel limone, che condivide questa proprietà benefica).
  • frutto ideale per chi è diabetico, innanzitutto è dolce, il ché piace ai diabetici e poi il fruttosio contenuto nelle mele viene metabolizzato senza ricorrere all’insulina, quindi previene il gonfiore di stomaco ed è adatto ad una dieta per diabetici.
  • le mele aiutano a perdere peso se inserite in un regime dietetico controllato, infatti contiene pochissimi grassi e zuccheri, ha un grande potere saziante ed è usata come alimento spezza fame; utilissimo a chi ingrassa a causa di continui spuntini, mangiare una mela prima di un pasto principale può essere d’aiuto; se l’appetito è vorace è consigliato accompagnare le mele a un bel bicchiere di acqua.
  • abbassa il colesterolo grazie alla pectina, una fibra solubile in grado di spazzarlo via.
  • contrastano l’invecchiamento cellulare, le mele contengono polifenoli, sostanze in grado di contrastare l’azione di radicali liberi.
  • la mela ha il grande pregio di abbassare il colesterolo nel sangue, grazie alla pectina in essa contenuta si salvaguardia il benessere di vene e apparato cardiocircolatorio.
  • è antitumorale, mangiare una mela al giorno è davvero benefico anche nel campo della prevenzione oncologica; la mela contiene flavonoidi e vitamina C (acido ascorbico) in grado di contrastare i radicali liberi, inoltre la pectina che fermenta nel nostro organismo produce acido butirrico, un elemento essenziale presente nei farmaci antitumorali.
  • la mela ha proprietà diuretiche e normalizza la peristalsi intestinale, benefici che tornano utili sia nel caso di diarrea e stitichezza che di meteorismo.

La Pectina delle mele è una fibra solubile responsabile dei tanti benefici della mela

La Pectina della mela è la principale responsabile della maggior parte dei benefici sopraelencati, in particolare perché è presente in grande quantità nelle mele. Questo polisaccaride ha il merito di abbassare i livelli di colesterolo nel sangue, tenere sotto controllo l’appetito, regolarizzare la funzionalità intestinale, e di prevenire lo sviluppo del cancro al colon. E’ stato scoperto che la fermentazione della pectina nell’intestino origina acidi grassi (acido butirrico) in grado di prevenire il cancro, nello specifico il cancro al colon.

Essendo la pectina una fibra solubile in acqua forma una massa gelatinosa nell’intestino che imprigiona al suo interno lipidi e zuccheri in eccesso, sostanze pericolose e di scarto, e talvolta purtroppo anche dei micronutrienti importanti per il nostro organismo. Quest’ultimo è l’unico motivo per cui non bisogna esagerare con il consumo delle mele, una o due al giorno bastano ad assicurarci tutti i benefici che abbiamo appena descritto.

E’ così fondamentale la pectina, che viene estratta, purificata e venduta come integratore per i diabetici e per chiunque voglia controllare il peso, o per abbassare la glicemia post-pasto. Tuttavia alcuni studi dimostrano che a parità di peso mangiare il frutto è nettamente meglio che assumere l’integratore di pectina di mela per via dei numerosi minerali e vitamine che il consumo di mele apporta in più all’organismo.

Tipi di Mela: caratteristiche e provenienza

Tipi di mele più diffusi e apprezzati:

  • Mela Golden Delicious: ha la buccia gialla, con qualche sfumatura rugginosa, è croccante, dolce, aromatica e la polpa è consistente e succosa, zuccherina, profumata. E’ la mela più diffusa al mondo, in Italia la coltiviamo in Lombardia.
  • Mela Annurca: ha la buccia color rosso vino, la polpa è bianca, il sapore dolce-acidulo ed è lievemente profumata; coltivata nelle regioni meridionali italiane, in particolare in Campania, e raccolta in autunno la melannurca dura fino a primavera.
  • Mela Fuji: ha la buccia bicolore dal rosso chiaro al rosso scuro screziato di giallo-verde, la polpa è croccante, succosa e dolce, poco acidulo e aromatico; è una varietà bicolore che arriva dal Giappone ma è coltivata anche in Valtellina.
  • Mela Granny Smith: la buccia ha un colore verde intenso, è brillante e lucida, molto succosa, croccante, dolce e leggermente acidula, è compatta ed energetica dal gusto leggermente asprigno; frutto di origine australiana coltivato anche in Valtellina con maturazione autunnale.
  • Mela Pink Lady: la buccia è di colore rosa, la polpa è croccante e succulenta; il gusto è dolce, intenso e aromatico.
  • Mela Red Delicious: è una mela rossa, il colore vivo può essere più o meno intenso, la buccia è liscia un po’ cerosa, ha una tipica forma a calice e la polpa col bianco crema, è croccante e dolce, poco acidula.
  • Mela Renetta: varietà molto pregiata per via dell’aroma spiccato e ottima conservabilità, quand’è matura la buccia è di colore giallo-verde, a volte è ruvida con puntini, la polpa è tenera, succosa e poco zuccherina, perfetta per fare i dolci, matura in autunno; viene coltivata in Val di Non in Trentino.
  • Mela Rosa dei Monti Sibillini: è piccolina e bicolore, un po’ schiacciata, di colore verdognolo con sfumature dal rosa al rosso violaceo, la polpa è acidula e zuccherina, il profumo intenso e aromatico; tipica delle Marche il raccolto avviene ad ottobre e i frutti si conservano fino ad aprile quando la polpa soda e compatta si ammorbidisce.
  • Mela Royal Gala: ha la buccia rossa, la polpa fine è succosa, compatta e croccante, il gusto è dolce e aromatico, il sapore è accentuato.
  • Mela Stark Delicious: il sapore è dolce, la polpa è succosa, poco aromatica e poco acida, il colore è rosso brillante, è tra le mele più diffuse; è consigliato conservarla in frigo perché altrimenti diventa farinosa.

Altre varietà di mele molto apprezzate sono: mela breaburn, mela imperatore, mela jonagold, mela morgenduft, mela pinova, mela red chef, mela renetta canada, mela stayman winesap, mela kanzi.

Vi state chiedendo perché non abbiamo incluso anche la mela cotogna? Perché semplicemente non è una mela vera e propria, trattasi solo di frutto Cotogno che a seconda della forma può essere associato alle mele o alle pere, seppur non essendo nessuno delle due, infatti appartiene alla famiglia delle rosacee e il frutto si consuma solo previa cottura.

Come mangiare le mele e conservazione

Come mangiare le mele? E’ buona abitudine lavare e asciugare la mela prima di mangiarla, l’ideale è mangiare le mele crude e con la buccia, però deve trattarsi di frutta non trattata o quanto meno ben lavata. Le mele sono l’ideale negli spuntini o a colazione piuttosto che a fine pasto, visto l’elevato potere saziante. Tuttavia, è sconsigliato alle donne in gravidanza o in fase di svezzamento mangiare mele con la buccia a scopo cautelativo. In alternativa potete mangiare le mele cotte al forno con lo zucchero e il burro, ma c’è poco di salutare. Un’opzione migliore è rappresentata da gelatine di succo di mela, oppure una torta light alle mele.

La mela è un alimento che si usa per lo svezzamento dei neonati, le varietà di mele perfette da grattugiare sono quelle più farinose, come le mele Gala, Golden, Red Delicious, Fuji, Granny Smith, Stayman Winesap, Braeburn. I bambini ovviamente preferiscono tutte le mele più dolci e meno acidule.

Ah, sapevate che nel caso dovesse mai sgocciolare, la mela non macchia i vestiti? Ecco un altro motivo per cui mangiarla.

Il sapore gustoso e croccante ma al tempo stesso dolce è un dettaglio che fa gola anche a chi non è un grande amante della frutta. Le mele d’altronde sono pura frutta fresca e bisogna consumarle quanto prima perché man mano che passa il tempo il contenuto salutare di acqua e vitamine decade progressivamente.

E’ consigliato conservare le mele in frigo a una temperatura poco superiore ai 0°C. Potete valutare il grado di freschezza della mela dalla buccia: se è lucida e tesa a protezione di una polpa compatta vuol dire che è una mela ben conservata e fresca; se ha la buccia raggrinzita, vuol dire che non è più tanto fresca e salutare.

CONDIVIDI le Proprietà della Mela con calorie e valori nutrizionali del frutto.

Dieta e Ricette è stato selezionato da Google News come Fonte Autorevole per la qualità dei contenuti proposti.

Rimani aggiornato e seguici su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.