La Dieta Metabolica è stata ideata dal dottor Mauro Di Pasquale, medico italo-canadese, per dimagrire mangiando prevalentemente cibi ricchi di grassi ed evitando i carboidrati. La prima settimana di dieta metabolica sarà concesso mangiare massimo 30 g di carboidrati, mentre c’è il via libera a tutti i cibi grassi senza distinzioni. E’ una dieta molto criticata perché va contro tutte le buone abitudini che i medici nutrizionisti tentano di insegnarci da anni, usare la dieta metabolica per dimagrire è un atto estremo che si basa sulla capacità del nostro corpo di metabolizzare perfettamente i grassi. Parliamo in dettaglio della dieta metabolica per chiarire come si può dimagrire mangiando tanti cibi grassi e pochi carboidrati, con le fasi di carico e scarico e la fase di prova di 14 giorni della dieta del dottor Di Pasquale.

dieta metabolica per dimagrire mangiando cibi grassi

Dieta metabolica per dimagrire, premessa

Il dottor Mauro Di Pasquale è di origine italiana ma è un canadese a tutti gli effetti, ci ha fatto il regalo di inventare la dieta metabolica, che da il via libera a tutti i cibi grassi eliminando quasi del tutto dall’alimentazione i carboidrati. Vi abbiamo già parlato di come funziona una dieta con pochi carboidrati e i rischi di intraprenderla, come quelli di una dieta chetogenica e anche quelli di una dieta iperproteica.

Il problema della dieta metabolica del dottor Di Pasquale quindi è questo: funziona e fa dimagrire, ma per far dimagrire priva l’organismo della sua linfa vitale, ossia dei carboidrati, da cui il corpo estrae il glucosio che serve a tenerci in vita e in salute. Senza dilungarci troppo dal punto di vista biochimico, sul quale non siamo poi così ferrati, concludiamo la premessa dicendo che intraprendere questo regime alimentare per dimagrire è un’incognita e che causa spiacevoli effetti collaterali come stanchezza, vomito, nausea, cefalee e in casi estremi il coma. I rischi della dieta metabolica secondo la nostra opinione, sono eccessivi rispetto ai benefici che da essa si potrebbero trarre quindi rifletteteci bene e contattate un medico prima di iniziare la dieta.

La dieta metabolica è allo stesso tempo ciò che non dovremmo fare e ciò che vogliamo da sempre fare per dimagrire facile, mangiando junk food. Vi spiegheremo nelle prossime righe come una dieta bizzarra come questa potrebbe funzionare per i pochi coraggiosi che riescono a superare la fame di carboidrati della fase di prova di 14 giorni e i rischi annessi, arrivando all’obbiettivo secondo i dettami del dottor Mauro Di Pasquale.

Dieta metabolica, come dimagrire mangiando tanti cibi grassi e pochi carboidrati

Dieta metabolica, come dimagrire mangiando tanti cibi grassi e pochi carboidrati. La dieta metabolica inizia con la fase di prova caratterizzata da una drastica riduzione di carboidrati per capire di quanti ne hai effettivamente bisogno, durerà circa due settimane ed è strutturato così: 12 giorni di scarico (50-60% grassi; 30-50% proteine; 30 grammi di carboidrati) e 2 giorni di carico/ricarica (25-40% grassi; 15-30% proteine; 35-55% carboidrati).

La fase di prova serve a stabilire di quanti carboidrati ha bisogno il tuo organismo, che è diverso da quello di chiunque altro. Se dovessi sperimentare effetti collaterali in fase di scarico potrai consumare piccole dosi di carboidrati per capire qual è il tuo limite, una volta stabilito saprai qual è la dose minima di carboidrati da assumere quotidianamente per non star male e potrai passare alla seconda fase. Secondo il dottor Mauro Di Pasquale un simile approccio addestrerebbe l’organismo a bruciare i grassi per soddisfare le proprie richieste energetiche, aiutando a dimagrire.

La seconda fase della dieta metabolica prevede 5 giorni di scarico e 2 giorni di ricarica con le stesse ripartizioni di macronutrienti già sperimentate in fase di prova.

Conclusioni

La dieta metabolica ha diversi effetti collaterali e va contro tutto quello che la buona scuola nutrizionale ci insegna:

  • diminuzione di carboidrati eccessiva;
  • favorisce la formazione dei corpi chetonici;
  • scarsa efficienza energetica dei grassi;
  • esagerato apporto di grassi e proteine;
  • limitato apporto di fibre;
  • non prevede una personalizzazione della dieta basata su attività fisica e caratteristiche individuali;
  • sbalzo insulinico assicurato;
  • comporta intollerabili rischi per la salute, come il coma.

Insomma, ci sono molte diete più sane e comunque facili per dimagrire che potete provare senza rischiare i gravi effetti collaterali causati dalla mancanza di carboidrati. Scopri altri tipi di diete per dimagrire facilmente.

CONDIVIDI come dimagrire con la dieta metabolica mangiando pochi carboidrati e tanti cibi grassi.

Le indicazioni riportate negli articoli di Dieta e Ricette hanno scopo ESCLUSIVAMENTE informativo e non intendono sostituire il parere di figure professionali come medico, nutrizionista o dietista, il cui intervento si rende necessario per la prescrizione e la composizione di terapie alimentari personalizzate.

Dieta e Ricette è stato selezionato da Google News come Fonte Autorevole per la qualità dei contenuti proposti.

Rimani aggiornato e seguici su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.